Web: www.furcisiculo.net


MEMORIE

Com'era com'e: l’Edicola della Madonna del Buon Viaggio

18/02/2014 11:36

Com'era com'è: l'Edicola della Madonna del Buon Viaggio

26 settembre 2009NDR In occasione del cinquantesimo anniversario della costruzione dell’edicola della Madonna del Buon Viaggio abbiamo pensato di proporvi questo speciale articolo nella sezione dedicata ai Com’era Com‘è. E per fare ciò non potevamo non ricorrere a quel “pozzo di ricordi” al quale tante volte abbiamo attinto per soddisfare la nostra sete di memorie. Stiamo ovviamente parlando del Signor Mariano Spadaro che, anche questa volta, ci rivela qualche particolare interessante del nostro passato, deliziandoci con il suo stile… accorato. Buona lettura.

DALLASTRADELLA”… ALLA MADONNA DEL PONTE


Innanzi tutto voglio ringraziare i vari siti furcesi che rendono partecipe anche chi vive lontano delle varie manifestazioni che si svolgono nel nostro paese. Lo stesso saluto va esteso alle autorità, alle Associazioni che con pochi soldi a disposizione ma con tanta buona volontà rendono realizzabili cose che diversamente non si potrebbero fare.
Si avvicina la ben pubblicizzata “settimana della cultura” che si concluderà con la celebrazione della festa della Madonna Del Rosario del 3 e 4 ottobre 2009. In questa occasione sarà ricordato il 50° anniversario della posa dell’edicola della Madonna del Buon Viaggio.

Nel periodo estivo, quando non c’era ancora il lungomare e non circolavano tante macchine, classico era l’invito fra parenti, amici e conoscenti: “Ni facemu na passiata supra a stradella?”. Per chi non lo sapesse per sopra la “stradella” si intendevano due tratti di strada: per chi viene da Messina quello compreso fra l’inizio della curva prima del torrente Pagliara e la fine della discesa della stessa strada; il secondo fra la curva prima della salita del ponte sul torrente Savoca fino alla fine dello stesso. Delle due località sopra descritte una, quella vicino a Roccalumera, è stata “sacrificata” al progresso con la costruzione dello svincolo dell’autostrada ME – CT inaugurato nel 1971, mentre nell’altra lato S.Teresa è stata posta a dimora nel 1959 la bella immagine della Madonna Del Buon Viaggio.

Di questa ricorrenza vorrei evocare un aneddoto che riguarda una persona a me e credo alla grandissima maggioranza della cittadinanza molto cara. Costui è stato Don Francesco Donsì che con il suo costante impegno ha fatto si che si potesse realizzare questa bella opera. Ricordo ancora oggi con piacere i primi commenti, le prime idee e preparativi che come al solito Don Francesco con tanta passione portava avanti. Uno in modo particolare mi è rimasto molto impresso.
“Eravamo con lui nella canonica a discutere in particolar modo sui Dieci Comandamenti, soprattutto di quei due che noi giovani, ma credo anche i grandi, non riuscivamo assolutamente ad osservare. Questo era motivo di penitenze più o meno pesanti dopo la confessione (veramente non sono mai riuscito a capire come si potessero non trasgredire) che spesso sfociavano in educate contestazioni quando iniziò a parlarci del suo prossimo progetto.”
Era un grande! Sapeva come prenderci e come cambiare discorso quando non riusciva a convincerci o vedeva che il fronte opposto era molto agguerrito.
“E’ stato allora che per la prima volta ho sentito parlare della Madonna Del Ponte, poi Del Buon Viaggio. Come era suo solito cominciò a descriverci come secondo lui doveva essere: i colori, l’espressione ma soprattutto l’impatto a prima vista; sicuramente ne aveva già discusso con altri ma voleva sentire anche il nostro parere. Le braccia dovevano essere protese, quello sinistro rivolto verso il nostro paese a protezione dello stesso e il destro verso la strada per proteggere chi la percorreva. Non era convinto che avessimo capito bene e per meglio esprimersi salì su una sedia mimando la futura immagine della Madonna. Dopo questa dimostrazione vivente tirò fuori da una cartella una serie di copie fatte con il ciclostilo, ingegnoso apparecchio precursore delle fotocopiatrici che gli serviva anche per fare tutte le copie da distribuire in Chiesa. Erano degli schizzi che aveva mandato all’artista costruttore della statua e le veline della corrispondenza con lo stesso; era contento come un ragazzino mostrandoci queste cose.”

Chi ha visto quegli schizzi ( bozza progetto ) vedendo l’opera realizzata si accorge come le sue idee siano state rispettate. Quanto tempo è passato … sembra ieri che la statua è stata messa a dimora.

Cordialmente Mariano

GALLERIA FOTO


Inaugurazione dell'Edicola L'Edicola della Madonna del Buon Viaggio 2008 L'Edicola della Madonna del Buon Viaggio 2008 Foto dell'Edicola della Madonna del Buon Viaggio anni '70 Foto dell'Edicola della Madonna del Buon Viaggio anni '80 Foto dell'Edicola della Madonna del Buon Viaggio 2014 Foto dell'Edicola della Madonna del Buon Viaggio 2014 Foto dell'Edicola della Madonna del Buon Viaggio 2014

________________________________________________________________________________________
Per inserire un commento a questo articolo compilare il modulo sottostante con “Nome e Cognome”, indirizzo “E-mail” (solo il campo “sito” è facoltativo) ed il testo del “Messaggio” e successivamente premere i pulsanti “Anteprima” e poi “Invia”.

Mariano Spadaro

Com'era Com'è, slide-apertura

Commenta

 

home | attualità | contenuti | blog | contatti


Notizie via NewsLetter !

Inserisci sotto il tuo nome e la tua e-mail per accedere e registrarti.

Digital Newsletter

per cancelarti clicca qui ».