Web: www.furcisiculo.net


MEMORIE

Com’era com’è: la via IV Novembre

02/09/2013 16:14

Le vie di comunicazione hanno sempre giocato un ruolo determinante nello sviluppo economico dei centri abitati. Così fin dalle antichità le città più grandi sono state dotate di assi viari importanti e servite da nodi stradali transitabili che le collegavano tra di esse rendendo le comunicazioni ed il commercio più agevoli.
Per le nostre borgate marinare si è verificato il meccanismo inverso a causa della precarietà dei centri abitati dislocati lungo la costa, battuta con insistenza da pirati e briganti di ogni genere, per un lungo periodo che va dalle invasioni barbariche alla battaglia di Lepanto ( 1571 ) che pose fine alle scorribande saracene nel Mediterraneo.
Questo lungo periodo di insicurezza penalizzò fortemente lo sviluppo delle zone litoranee facendo preferire il sorgere di agglomerati urbani nelle zone interne, più impervie e più difendibili, e persino le vie di comunicazione si snodavano per vie interne a distanza di sicurezza dalla costa.
Per questo motivo gli abitati della Marina rimasero dei semplici villaggi satelliti della “Cittadella di Savoca” fino all’ ottocento epoca in cui accadde un evento che avrebbe sovvertito i valori, in termini di importanza, fra mare e collina.
Nell’anno 1828 venne ultimata la strada rotabile che collegava tutti i paesi costieri da Messina a Catania con tutti i vantaggi che comportava dal punto di vista economico. Da questo momento in poi i paesi rivieraschi ebbero uno straordinario sviluppo dal punto di vista demografico, oltre che economico, rispetto alle ormai isolate località rivierasche.
Oggi quell’asse viario è divenuto la SS114 che nel tratto in cui attraversa Furci è denominata via IV Novembre al secolo via Nazionale.

Nella galleria fotografica che segue è interessante constatare come questo sviluppo costante, pur continuando ancora aggi, in un confronto con la via Nazionale di “poco più” di mezzo secolo fa, abbia mantenuto intatte alcune caratteristiche strutture architettoniche che, ieri come oggi, risultano i caratteri distintivi di questo nostro importante asse viario… traffico moderno a parte.

GALLERIA FOTO



Articolo del 15 agosto 2008

Per inserire un commento a questo articolo compilare il modulo sottostante con “Nome e Cognome”, indirizzo “E-mail” (solo il campo “sito” è facoltativo) ed il testo del “Messaggio” e successivamente premere i pulsanti “Anteprima” e poi “Invia”.

Giuseppe Allegra

Com'era Com'è, slide-apertura

Commenta

 

home | attualità | contenuti | blog | contatti


Notizie via NewsLetter !

Inserisci sotto il tuo nome e la tua e-mail per accedere e registrarti.

Digital Newsletter

per cancelarti clicca qui ».