Web: www.furcisiculo.net


MEMORIE

Ricordi anni 40-50: il Ferragosto

14/08/2015 16:23

Articolo del 26 febbraio 2010

Il mese di agosto è oggi per noi italiani quello delle ferie.
Cinquant’anni fa non si poteva parlare di ferie per le tante famiglie contadine costrette ad alzarsi prestissimo la mattina per arrivare all’alba nei campi, ne per gli altri lavoratori autonomi: dal piccolo artigiano al pescatore, dal manovale al trasportatore. Per questi le ferie certamente non esistevano. Diverso era per chi svolgeva altri lavori o viveva in città. Queste venivano parzialmente abbandonate dai loro abitanti per lasciar posto a quei turisti che incominciavano a visitare la nostra bella Italia che lentamente si riprendeva dopo anni di privazioni e di stenti. Nel mio paese non tutti riuscirono a trovare occupazione quindi furono costretti a lasciarlo per andare al nord o all’estero. Oltre alle entrate di chi lavorava sul posto, iniziarono ad arrivare le rimesse di chi era lontano e con esse anche il ritorno a casa di quanti se lo potevano permettere.

Per noi ragazzi questo mese era da ricordare per il “mezz’agosto”. Il pomeriggio della vigilia eravamo impegnati a cercare la maggior quantità di legna da portare sulla spiaggia dove la sera organizzavamo dei grandi falò intorno ai quali si ballava e cantava, piccola precisazione “eravamo quasi tutti maschi”. Poi allo scoccare della mezzanotte tutti in acqua per il tradizionale bagno notturno.
Il giorno successivo era veramente festa! Finalmente si mangiava il pollo! Oggi questo può sembrare strano ma, vi assicuro, era proprio così. Le nostre mamme alcuni mesi prima compravano dei pulcini. Ricordo ancora quel signore che sul grande portabagagli della sua bici aveva montato una grossa gabbia (stia) dentro la quale ne erano stipati molti.

Ogni tanto si fermava lungo le vie del paese e richiamando l’attenzione con voce possente offriva la sua vivente mercanzia.
Immancabilmente un capannello di donne accorreva cercando di scegliere quelli che secondo loro dovevano diventare galline per produrre uova. Quale miglior sistema per stabilire il sesso se non quello di soffiare sotto la pancia! Non so cosa guardassero con tanta attenzione visto che da grandi in maggioranza risultavano dei bei galli. Questo soffiare sotto la pancia lo facevo anche io quando con un amico andavo a catturare i cardellini in special modo se “ramaci”, cioè gli uccellini nati da poco che non avevano ancora fatto la “muta” e quindi assunto i meravigliosi e variopinti colori di cui madre natura li ha forniti. In effetti non ci capivamo nulla, come le donne che compravano i pulcini, solo dal modo di cantare quando questi diventavano grandi potevamo saperlo; i maschi avevano un canto più prolungato. La delusione che le tante mamme provavano nel vedere che le loro scelte erano state sbagliate veniva in qualche modo compensata dalle scorpacciate che si facevano per ferragosto.

Era una grossa tradizione, si cucinava nei modi più svariati ed era buonissimo. Venivano allevati quasi sempre in casa, in qualche stanza o sulla soletta, appena grandicelli, di giorno venivano messi per strada dove passavano la giornata a gironzolare per “farsi le ossa” o mangiucchiare quello che potevano trovare di loro gradimento; ma una volta non si buttava quasi nulla! Venivano loro dati tutti gli scarti dei pasti della famiglia e qualche volta si comprava a “canigna e u ranuni”. Questi alimenti uniti al gran camminare li rendevano poi a “tavola” una pietanza veramente squisita, non come quelli allevati in batteria che oggi mangiamo.

Ma non era soltanto il periodo delle ferie perché in questo mese cade una delle tre feste ecclesiastiche anche se ultima per importanza ma non per partecipazione popolare.
Grandissima era quella che si svolgeva e ancora oggi si svolge a Messina. Giungevano da ogni parte della Sicilia soprattutto per assistere alla processione in onore della Madonna e la “Vara” con i suoi tiratori vestiti di bianco che la trascinavano letteralmente e per vedere le due grandi statue di cartapesta “il gigante e la gigantessa” portate a passo di danza per le vie cittadine fino a giungere davanti al Municipio. La leggenda vuole che Mata e Grifone, questi i nomi dei giganti, siano i progenitori del popolo messinese e quindi i fondatori della città. Quello che più mi impressionava era il gran numero di catanesi che si riversavano nella città dello stretto con ogni mezzo, dai pullman organizzati, alle macchine e moto; ma era il treno quello più usato. Ne venivano organizzati anche di straordinari ed erano sempre pieni.

Mentre l’afflusso degli etnei si divideva nell’arco della giornata al ritorno la mattinata del giorno dopo, era un vero caos. Gente che viaggiava in piedi ma soprattutto tante persone coricate sui porta bagagli di quei treni con i sedili in legno che se non sbaglio nelle zone interne della Sicilia ancora oggi esistono. Ho però anche un ricordo molto triste che ancora oggi è vivo in me tanto che mentre scrivo queste righe i miei occhi si velano di lacrime. Una delle macchine di ritorno dalla festa, passando per Furci, vicino all’incrocio fra via 4 Novembre e via Firenze, quasi di fronte a dove ore sorge il bar di Mimmo, finì sul marciapiede investendo un ragazzo poco più giovane di me. Arrivai subito dopo l’incidente e la scena che mi si presentò non la dimenticherò mai. La guardia Peppe Briguglio chino sulla sagoma del ragazzo, la macchina investitrice sul marciapiede con dentro una donna piangente e l’autista con le mani nei capelli che girovagava nei dintorni in preda al panico.
La vita di quel ragazzo restò in sospeso per qualche giorno poi non riuscì a superare il grave trauma e volò in cielo. Probabilmente mi è rimasto così impresso perché lo conoscevo bene, spesso servivamo la messa insieme.
Ma non dovevo parlare di festa?

La festa coincide quindi con le ferie estive di cui ne parlerò in altre parti e a proposito di queste voglio ricordare una frase dei miei figli mentre percorrevamo l’autostrada ME-CT: Papà sembra di stare a Roma. Tante erano le macchine così targate che la percorrevano … I tempi per fortuna cambiavano!

GALLERIA FOTO


Estate anni '30 Anni '40-'50: La spiaggia senza il lungomare Bellezze al bagno agosto 1960 Agosto 1968: Camillo Latto, il piccolo Peppe Allegra e Franco Casale 'u triestinu Salvatore Coglitore e Nino Allegra Amici in barca Foto di gruppo in costume da bagno Ciccio Pino Foto per gentile concessione di Franesco Pino Foto per gentile concessione di Franesco Pino Foto per gentile concessione di Franesco Pino Mariano Spadaro con Lillo Allegra Mariano Spadaro con Lillo Briguglio

________________________________________________________________________________________
Per inserire un commento a questo articolo compilare il modulo sottostante con “Nome e Cognome”, indirizzo “E-mail” (solo il campo “sito” è facoltativo) ed il testo del “Messaggio” e successivamente premere i pulsanti “Anteprima” e poi “Invia”.

Mariano Spadaro

Amarcord, slide-apertura

Commenta

  1. Caro amico sono di nuovo io Marino che ti scrive col tuo racconto sul ferragosto mi ai porta to indietro di circa 50 anni anchio una volta attraversando la via Nazionale dalla via delle Botti per andare acasa in via del Mare sono stato sfiorato da una macchina il mio amico ecompare CArmelo Brigulio Detto u giaccio estato sbattuto per terra per fortuna senza conseguenze pero io nonricordo lepisodio di cui parli tu, io ricordo in vece di un vecchietto che stato investito nello stesso punto di cui ho dettoprima ed e morto mi sembra fosse uno zio di Carmeluccio eNando Coglitore ma forse e meglio ricordare quei bei ‘Jazzuzzi’ un duri a mangiare pero molto piu genuini di quelli che mangiamoadesso vero? carissimi saluti e un buon ferragosto a tutti voi qui in America non si festeggia non sanno cosa sia io invece ricordo igiganti di messina e i muluni du faru i piu saporiti almondo secondo me: ciao e alla prossima volta

    Marino ZAgari · 15/08/2012 03:45 · #

 

home | attualità | contenuti | blog | contatti


Notizie via NewsLetter !

Inserisci sotto il tuo nome e la tua e-mail per accedere e registrarti.

Digital Newsletter

per cancelarti clicca qui ».