Web: www.furcisiculo.net


MEMORIE

Amarcord: Poesia in piazza

18/05/2015 09:58

FOTO: ottobre 1953. Ciccio Maccarrone, Nino Franchetti, Pippo Di Bella, Pippo Coglitore, Melo Lo Pò, Enzo Foti, Giuseppe Pavone.

Con tutte le distrazioni e le tante risorse a disposizione non è più possibile, oggi, comprendere come si potesse trascorrere il tempo quando PC, WII e PSP, per usare solo alcuni acronimi, erano solo fantascienza. Eppure si potevano passare delle sane ore di divertimento con molto poco. Un posto pubblico come la piazza Sacro Cuore, poteva benissimo fungere da scenario per delle esilaranti serate goliardiche; bastava un lampione e un personaggio capace di catalizzare l’attenzione di un folto uditorio di orecchie avvezze ad un repertorio licenzioso.
Di queste consuete rappresentazioni ci parla, nel suo libro “Salviamo ‘a mustica”, il dottor Franco Maccarrone che, con grande maestria, ha saputo raccontare i “Sollazzi” del suo tempo, lasciandoci una consistente traccia di quagli aspetti popolari che hanno caratterizzato un epoca molto diversa da quella che stiamo vivendo.
La “Poesia in piazza” è un aneddoto che rappresenta in maniera esaustiva il concetto che non servono grandi artifici o l’alta tecnologia per passare delle intere nottate facendosi delle grasse risate. Ed era quanto accadeva a Furci, nella piazza centrale, quando le tiepide serate primaverili lasciavano spazio a queste rappresentazioni che si protraevano, come nelle migliori tradizioni teatrali, per tutta l’estate. Un “fine dicitore” enunciava le sue poesie e storielle, a sfondo erotico, di autori come il dimenticato Miciu Tempio; manco a dirlo, l’argomento e l’arte di saperlo esporre rendeva il tutto irresistibile.
Ma trovo sia inutile diluire ulteriormente il concetto, passo quindi a riportarvi l’episodio riportato nel libro. Uno dei più belli e particolari che abbia letto su Furci, proprio perché, accanto alle notizie storiche, ci racconta quegli aspetti “popolari” della vita culturale che solo la vera essenza della cultura di un popolo.
Ma prima una avvertenza va fatta, a beneficio delle coscienze più sensibili. Per rendere più realistico l’argomento e il clima che ne scaturiva, ho riportato anche uno stralcio di una poesia del Tempio: ‘A minata di li Dei; la lettura della quale è consigliata SOLO ad un pubblico adulto e privo di preconcetti nei confronti dell’ autore catanese, definito ingiustamente da molti “pornografico”, ma che per molti aspetti delle sue opere andrebbe rivalutato.

LA POESIA IN PIAZZA
Dal libro Salviamo ‘a mustica di Franco Maccarrone.

Pipparedda dì Paulina era veramente piccolo di statura, ma in estate si trasformava in un gigante agli occhi di noi tutti. La sua specialità era quella di declamare, con professionale capacità di attore consumato, a memoria o leggendo, le poesie dialettale del commediografo Martoglio e quelle “spinte” di Miciu Tempio, poeta catanese del settecento.
Il palcoscenico era un angolo di piazza, sotto un lampione, attorniato da un uditorio attento, numeroso e competente. La stagione delle recite cominciava con le tiepide serate primaverili e si protraeva per tutta l’estate.
Aspettando che la piazza si svuotasse, sì che orecchie delicate non fossero offese, e incominciavamo la kermesse, ‘a monica dispirata, mastru straci ‘u matarassaru, a Fillidi_ e la insuperabile minata di li Dei, ecc…_
Erano ore di autentico divertimento, con occhi pieni di lacrime per le risate e tutti a incoraggiare il fine dicitore ad andare avanti, avanti, fino a quando le prime luci dell’alba incominciavano ad illuminare la piazza.
Un mattino un pescatore, il signor Bembale, passò di li, avviandosi ad iniziare la sua giornata ed educatamente ci diede il buongiorno togliendosi la coppola. L’uditorio era troppo affascinato dalla lettura, nemmeno si accorse del nuovo venuto e, ,maleducatamente, non lo salutò. Il faceto signore brontolò: “e piddia un bongiunnu” e sconsolatamente tirò avanti.
Inutile dire che il libro del tempio era rigorosamente all’indice e, per noi giovani, era impossibile entrarne in possesso. Quello “sciagurato ed egoista” di mio fratello lo tenne per tanto tempo a casa, ben relegato e nascosto fra i suoi libri di scuola, con su scritto Grammatica italiana. Io da allocco non me ne accorsi mai, nonostante immaginassi che fosse ben nascosto in casa nostra e non potei così approfondire la mia cultura.
Piùtardi, quando ho migliorato le mie conoscenze di cose siciliane, ho appreso che tante di quelle poesie non erano attribuibili al Tempio e ci rimasi male, anche se continuo ad amare il poeta e le poesie dei suoi epigoni.

LA MINATA DI LI DEI


Micio Tempio abbassa l’Olimpo ne La Minata degli Dei. Cinque figli di Giove braccano l’ancor vergine Venere, ma vengono bloccati dal padre che, a sorte, l’assegna a Vulcano. Con due insegnamenti per gli scapestrati giovani dei:
Non havi a fari maravigghia
di un matrimoniu di un frati e nna soru,
pirchì quannu non c’era gran famigghia
sti matrimoni prima accussì foru

… e  ai quattro rimasti assai “eretti”  dà un premio di consolazione Giovi cci dici:
cci su mezzi adatti
pri a vuatri passarivi l’arritti:
la minata iu criai pri cui non futti,
basta chi v’haju cunsulatu a tutti!

Immagini così profondamente “scurrili” da rendere assai più morale ed impressa la lezione impartita. Senza ipocrisia o giri di parole indirette che perdono immediatezza e comprensione a favore della forma.

LA MINATA DI LI DEI
Cu pati di sintòmi e di stinnicchi, 
ppi non sentiri cosi stralunati,
s’intuppassi lu zuccu di l’oricchi;
non sù pp’iddi sti cosi nzuccarati!
Ccà nui parramu di cazzi e di sticchi,
di culi, di futtuti e di minati; 
cui non voli non senta … Parru sulu
a st’unioni di futtuti in culu. 

Salvi, illustri accademici! Presentu
sti pochi versi ccu cori trimanti.
Omini ccu li cazzi a centu a centu,
e dintra e fora, darretu e davanti,
accurdatimi vui cumpatimentu, 
scusatimi si sugnu stravaganti,
ed accurdati all’auturi importunu 
lu vostru largu ed apertu pirdunu. 

{mospagebreak}Giovi, a cui era in aria lu carru
comu ntra mari la varchitta o scarmu, 
era a ddi tempi lu primu futtarru 
e avia la minchia chiù dura d’un marmu;
cuntava di diamitru, s’ ’un sgarru,
triccentu ottanta canni e menzu parmu, 
ed a Giununi, ccu ddu cazzu santu
cci l’avia fattu addivintari tantu ! 

Futteva a longu, e pertichi e bubbuni 
pigghiava spissu a la diavulina;
e intantu ccu ddu grossu so minchiuni
arruzzulava figghi a minchia china:
Mircuriu, cci nascìu mentri Giununi
cci avia mmiscatu camurria divina, 
e in diversi occurrenzi e varii parti
fici a Baccu, Vulcanu, Apollu e Marti. 

{mospagebreak}Senza purtari a Giovi ubbidienza,
picciotti privi di boni cunsigghi,
pinsaru un ghiornu senza la licenza
iri a manciari in campagna, sti figghi;
subitu fu accurdata la dispenza,
si affirraru nna pocu di buttigghi 
ed arrivati a lu locu signatu 
ntra nenti fu lu pranzu priparatu. 

Cuminciaru a manciari e ntra un momentu
li buttigghi si vittiru agghiurnari;
già dritti in pedi si mettinu a stentu,
già li testi cumincianu a fumari;
intantu di luntanu, a passu lentu,
la bellissima Veneri cumpari,
chi nuda e sula ppi li larghi strati
va cugghiennu lu friscu ppi la stati.

{mospagebreak}Non avia quindici anni; la frischizza
di ddi carnuzzi aggrazziati e bianchi
accumpagnava la delicatizza 
di lu morbidu pettu e di li cianchi;
tuttu era in idda grazia e biddizza:
beddi l’occhi, la vucca e beddi l’anchi, 
beddi ddi labbra comu dui cirasi,
bedda dda “cosa” unni si nesci e trasi. 

Tinti a pinneddu parianu li natichi,
tunni, duri, citrigni e sapuriti;
stavanu tutti a taliarla estatichi,
cà muveva l’arrittu e li rimiti;
aveva l’occhi vivuli e simpatichi,
dd’occhi, unn’era d’Amuri la riti,
dd’occhi capaci, ccu nna taliata,
di squagghiari la nivi e la jilata. 

{mospagebreak}Lu nasiddu paria cira chi addunma,
la vucca, si la guardi, ti nni spinni; 
li masciddi cchiù bianchi di la scuma,
drittu lu coddu aggraziatu scinni; 
ntra lu pittuzzu poi, comu dui puma, 
bianchi e tutti spurgevanu dui minni;
li cosci sù di lu chiù espertu mastru
dui culonni perfetti d’alabastru. 

DDa “cosa” poi ntra ddi culonni amati
la vidi in forma rilevata e tunna 
e bianca mmenzu a dui fardi spaccati,
chi sù cuperti di nna manta biunna;
dui culunneddi surginu a li lati
ntra lu menzu di vadda sì profunna; 
tenera irvuzza d’intornu s’agghiommara
intatta di l’aratru e di la vommara. 

{mospagebreak}Aviti vistu un cavaddu di razza
vidennu la jumenta ntra lu chianu
sbrugghiari dda terribbili michiazza
e poi currirci supra a manu a manu ?
Cussì viditi ntra lussuria pazza 
la turba di li dei, chi di luntanu 
in vidiri la Dia ccu faccia accisa,
subitu a tutti la minchia cci attisa. 

Cci vannu tostu tutti cincu in fila 
ccu l’occhi russi e li cazzi arrittati;
 saziu ognunu non é, si ’un cci la nfila,
si non pò tutta, almenu nna mitati;
cui cci afferra lu culu, cui li pila,
cui procura di daricci minchiati,
cui cci afferra li minni e lu capicchiu,
cui cci appunta la minchia ntra lu sticchiu. 

{mospagebreak}Chi cc’é, picciotti? Chi sù sti cusazzi?
Ad unu ad unu idda cci dicia;
ma chiddi, peju assai di li crastazzi,
assai di chiù truzzavanu la Dia; 
Diu mi nni scanza di furia di cazzi !
Veneri unni guardari nun sapìa; 
cci arrinnesci a la fini di scappari 
e si metti in disparti a taliari. 

Marti, ch’era smargiazzu e nghirriusu,
non suleva suffriri musca a nasu;
vaja, dicia, cc’é ccà qualchi garrusu,
chi pritenni infilari unni iu trasu ?
Niscissi fora, cà cci lu rifusu,
niscissi, ca lu fazzu pirsuasu:
a futtirivi tutti bastu iu sulu, 
non sugnu Marti, s’un vi vaju in culu ! 

{mospagebreak}Apollu rispunnia: Va, duna l’anchi,
ccu sti to vapparii tu non m’arrunchi;
forsi cridi chi l’autri sù vanchi,
sù locchi, sù minchiuni, sunnu junchi?
Ccà cc’é qualchi pirsuna chi puranchi
si senti cori e non ha manu ciunchi,
chi futti comu avissi centu minchi,
chi ti sbarra lu culu e ti lu jinchi! 

Lu figghiu di Semeli parsi un braccu,
dissi: Non dura a longu chistu addiccu!
Santu di lu Cavuluni, ’un sugnu Baccu,
si ntra l’ultima crispa ’un ci la ficcu!
Non tiru avanti pirchì sugnu straccu:
mi sentu già lu cannarozzu siccu;
ma cazzu! siddu viju ddu buccuni,
cci la ficcu ccu tutti li cugghiuni! 

{mospagebreak}Mercuriu rispunnia: talìa cui parra!
Quali minchiunaria all’autru afferra;
un ’mbriacu, un bunaca, un menzu-garra,
mischinu, non é in celu e mancu in terra !
Va, cercati cui cc’é chi ti lu sbarra,
cà si tanticchia lu sensu mi sferra,
a sti ddii di li sensi e di la murra
li fazzu pezzi pezzi comu surra ! 

Dissi Vulcanu: Va, zittu, minchiuni,
re di li primi ruffiani e latri,
papà di l’imposturi e l’attimpuni, 
accusirissi macari a to patri !
Veneri tocca a mia ! Si lu spiuni
tu non facevi a Giununi, me matri,
Veneri non purtassi di la fascia
lu titulu di figghia di bagascia. 

{mospagebreak}La Fama é maldicenti ed anchi pazza,
sbrogghia li pinni e poi lu culu appizza;
già lu raccunta a Giovi e lu strapazza,
lu Diu supremu subitu s’incazza,
si metti a santiari ppi la stizza;
pinsau dipoi, e tutta l’ira smorza,
d’unirsi ad iddi e a parrari s’inforza. 

Si vidinu arrivari in atti illiciti,
strizzatu ognunu e ccu lu cazzu tisu.
Chi cc’é ? cci dici: vi faciti liciti
fari sti cosi, senza darmi avvisu?
Chiù non si pigghia a mia lu benediciti,
menzi culiddi di lu paradisu?
Chi su’ davanti a mia sti cazzi in autu ?
Chi vi manca la garra, o siti in sautu? 

{mospagebreak}Iu ccu vuatri non vogghiu cummattiri,
sinnò vi mannu a farivi strafuttiri.
L’alma, dissi la Dia, mi sentu sbattiri;
papà, non haju sciatu, ’un pozzu agghiuttiri !
Ch’era locca, ahimé, l’occhi fra un battiri,
ognunu mi dicia: Lassati futtiri !
Sta cosa non cumprennu, in verità:
futtiri chi significa, papà ? 

Ah, becchi strafuttuti, vastasuna !
Grida arraggiatu comu tigri ircana,
cussì si tratta ccu la mia pirsuna,
veri garrusi e figghi di buttana?
La pigghiastivu forsi, o gran minchiuna,
ppi la Baciccia o ppì la Girgintana ?
Vi pari cosa di numi perfetti
scannaliari li picciotti schetti ? 

{mospagebreak}Pocu cci staju ca ppi mia vinditta
a cauci e timpuluni ’un vi nni mannu!
Comu li denti di nna vecchia afflitta
chiddi allura ammutiscinu, trimannu.
Sulu li minchi arristaru a l’addritta,
nè l’arrittu cci passa sinu a tannu;
pirchì si dici ca cazzu arrittatu
non conusci rispettu e parintatu. 

Parentesi: quantunqui a tempi tali
Baciccia e Girgintana ’un si numava,
puru lu summu Giovi, Diu immortali,
già lu capiti chi profetizzava;
li figghi soi non eranu minnali,
la profezia perciò Giovi parrava
di buttani futuri ntra dd’istanti
comu di lu presenti e stipulanti. 

{mospagebreak}Sta facenna però, Giovi ripigghia,
s’havi a giustari, giacchì sta canagghia
m’havi scannaliata la mia figghia
pura, comu nasciu di la nfasciagghia;
mpulisativi ed una si nni pigghia
e cui ntra l’ugna di la sorta ncagghia
e nesci ntra vuatri, bonavogghia,
cci la ficca a rumpiricci la mogghia. 

Dici, e li nomi a Ganimedi additta,
e a lu latu di Veneri s’assetta;
stannu li cincu Dii tutti a l’addritta,
comu lu reu chi la sintenza aspetta;
Giovi stissu si leva la birritta
e ddà dintra li polisi cci jetta;
Veneri afferra nna polisa in manu
e si leggi lu nomu di Vulcanu. 

{mospagebreak}Nota: Non havi a fari maravigghia
di un matrimoniu di un frati e nna soru,
pirchì quannu non c’era gran famigghia
sti matrimonii prima accussì foru;
la futtuta di Lot ccu la figghia
fu di la Chiesa celebrata a coru;
iu dunca opera strana non la chiamu
la futtuta surastra … Sicutamu ! 

Non curri, si precipita, anzi vola
Vulcanu chi havi la gamma sciancata;
l’abbrazza e vasa e perdi la parola,
dda picciotta strincennusi sciacquata.
Giovi cci dici: Figghia, ti cunsola,
ti benedicu la prima minchiata !
Vulcanu intantu, senz’autra licenza,
la metti a terra, sbrogghia ed accummenza. 

{mospagebreak}Prima s’afferra ccu duci carizzi
l’affumicata celebri minchiazza;
idda si la la facci pizzi pizzi,
iddu cci metti un pocu di sputazza;
ma ora e l’ura chi vennu li sbrizzi,
iddu stenni nna manu a la spaccazza
e tastiannu la pilusa rocca
cerca, afferra, mania, tocca e ritocca. 

Tuccannu e rituccannu cunnu e culu,
non ha paci si tutta ’un ci la metti;
cci va supra arrittatu comu un mulu,
e cci strinci li minni e la scunnetti;
di dui corpi si fici un corpu sulu,
li vrazza si contorcinu a li petti,
e uniti comu stannu corda e sicchiu
panza a panza si adatta e cazzu a sticchiu. 

{mospagebreak}Mpugna ddu sulennissimu rapista
e na fedda e l’autra l’assesta;
jetta un gran corpu arrabbiatu in vista,
ma cci ngagghiau la minchia menza testa;
nisciuta un pocu nova forza acquista,
la mpugna arreri, cci la metti, arresta;
poi dintra impituusa cci la scagghia,
ma ntra lu megghiu di lu corpu ammagghia. 

Era nica la porta e non trasia,
cà nuddu ancora cci l’avia ficcatu;
Veneri a lu duluri si turcia,
già si abbannuna e non havi chiù sciatu;
qualchi stizza di sangu si vidia
dintra ddu sticchiareddu delicatu;
chiddi carni parianu vermigghi,
comu la paparina ntra li gigghi. 

{mospagebreak}Trasi… nesci… fa leva… ficca…basti !
Forti, adaciu ! … dicia, fermati, ammutta !
Ahi, chi colpu! Ahi, chi chiaja ! Ahi, m’ammazzasti !
Nescila ! … Non ti moviri! … Chiù sutta !
Quali balsamu scurri! … Chi mi dasti ?
Trasi cchiù dintra, ficcamilla tutta !
Lassala stari, via, comu fu fu …
Chi é duci ! Chi piaciri ! Un pozzu chiù! 

Eccu fratantu un lavizzu di spacchiu
chi scurri comu scurri un canalicchiu;
comu abbucca, rumpennusi, un pinnacchiu,
Veneri allarga lu so beddu sicchiu;
Vulcanu cci lassau lu grossu cacchiu
ppi menz’ura nfilatu ntra lu sticchiu;
e intantu a maniari si trattinni
facci, pettu, masciddi, culu e minni. 

{mospagebreak}A ddi modi, a ddi gesti, a chiddi atti
ristaru l’autri ammaluccuti e afflitti,
friddi comu la nivi e stupefatti,
comu pasturi chi lu campu vitti.
Giovi cci dici: Cci sù mezzi adatti
ppi a vuatri passarivi l’arritti:
la minata iu criai ppi cui non futti,
basta chi v’haju cunsulatu a tutti ! 

Dissi, ed ognunu la pistola in griddu
la nesci e si la metti a lu scupertu,
russa la testa comu lu cardiddru,
l’occhi a li minni ed a lu culu apertu;
unu l’afferra a ’n’autru e chistu a chiddru,
tra d’iddi si la minanu a cuncertu,
e situannu li manazzi a granciu
si la jocanu tutti a canciu e scanciu. 

Cci mettinu sputazza a gran vuccuna,
e applicannucci poi l’intenzioni,
si dannu colpa a la diavuluna
senza tanticchia di discrezioni;
eccu, lu semi chi nesci a frusciuna
cci riscaldau l’immaginazioni;
ristaru comu tanti varvajanni,
ccu ’n occhiu a Cristu e ’n autru a San Giuvanni.

DOMENICO TEMPIO – Cenni sull’Autore
FONTE: www.wikipedia.it
Domenico Tempio (Catania, 22 agosto 1750 – Catania, 4 febbraio 1821) è stato un poeta italiano. Accanto a Giovanni Meli, fu il maggiore poeta siciliano del suo tempo.

BIBLIOGRAFIA
Non si hanno molte notizie biografiche su Domenico Tempio, noto anche come Micio Tempio. Figlio di un mercante di legna, Tempio fu avviato alla carriera ecclesiastica prima e alla giurisprudenza poi: fallì in entrambi i casi e decise così di dedicarsi agli studi umanistici. Studioso sia degli autori classici che dei suoi contemporanei, Tempio iniziò presto a scrivere in versi e acquistò fama di buon poeta. Fu accolto nell’Accademia dei Palladii e nel salotto letterario del mecenate Ignazio Paternò principe di Biscari.
Sposò Francesca Longo, che morì di parto. La figlia fu così accudita da una balia, la gnura Caterina, che diventò la sua compagna fedele e gli diede un altro figlio. Fu nominato notaio del casale di Valcorrente (nei pressi dell’odierna Belpasso), ottenne una pensione sul Monte di pietà e sulla Mensa vescovile e un sussidio dal Comune di Catania fino alla sua morte.

POETICA
È considerato il maggiore poeta riformatore siciliano, però fu conosciuto e apprezzato dai contemporanei e presto dimenticato: per tutto il XIX secolo fu censurato e bollato come poeta pornografico, prendendo spunto solo da una parte dei suoi componimenti. Dopo la seconda guerra mondiale si rivalutò la sua opera.
Tempio è ora considerato un poeta libero che usa tutti i suoi mezzi per smascherare le falsità e gli inganni della società. Le sue opere spaziano dall’esaltazione dell’operosità dell’uomo alla critica alla chiesa, dalla contemplazione della natura alla critica dell’ignoranza. La sua stessa Sicilia è vista rivalutata da un realismo che spazza via il mito di una società pura e incontaminata. In alcune opere anticipa ampiamente il movimento verista che si sarebbe affermato solo quarant’anni dopo la sua morte.

OPERE
Tempio scrisse soprattutto opere poetiche satiriche e licenziose, quasi tutte in siciliano.
Operi di Duminicu Tempiu catanisi (1814-1815) è una raccolta di tutte le sue poesie, a cura di Francesco Strano. Tra queste, si ricordano: L’Odi Supra l’Ignuranza, La Maldicenza Sconfitta, Lu Veru Piaciri, La Mbrugghereidi, La Scerra di li Numi, Lu cuntrastu mauru, La paci di Marcuni, Li Pauni e li Nuzzi.
La Caristia (1848), è la sua opera più importante, pubblicata postuma a cura di Vincenzo Percolla: si tratta di un poemetto in venti canti, formati da quartine di settenari. Il tema è la carestia e i seguenti tumulti popolari che si verificarono a Catania tra il 1797 e il 1798.
Poesie di Domenico Tempio (1874) è una seconda edizione delle Opere con molte aggiunte.
Le poesie erotiche furono raccolte da Raffaele Corso nel 1926 e da Vincenzo Di Maria e Santo Calì nel 1970.
Sicilian Erotica. A Bilingual Anthology of Erotic Poems by Giovanni Meli, Domenico Tempio and Giuseppe Marco Calvino, introduzione di J. Vitiello, traduzione a cura di Onat Claypole, USA/Canada, Legas, 1997. ISBN 1881901106

Articolo del 24 gennaio 2012

Giuseppe Allegra

Amarcord, slide-apertura

Commenta

 

home | attualità | contenuti | blog | contatti


Notizie via NewsLetter !

Inserisci sotto il tuo nome e la tua e-mail per accedere e registrarti.

Digital Newsletter

per cancelarti clicca qui ».